AWARDS

Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera

Curriculum

“Mare, Sport e disabilità: l’importanza di fare squadra”. Giornate di grande emozione e fiducia nella positività della vita e delle relazioni umane, in cui l’inclusione sociale è concretezza di azioni e occasioni “alla pari”, che solo il mare e lo sport possono offrire attraverso un evento voluto fortemente dalla Lega Navale Italiana – Sezione di Palermo Centro, su delega della Federazione Italiana Vela, di concerto con la Classe Italiana Hansa 303 e con il Comitato Paralimpico Italiano, in collaborazione anche con l’altro progetto, “Vela del Cuore” e del suo l’equipaggio tutto femminile formato da pazienti con cardiopatie congenite.

Motivazione

Per l'instancabile e generoso impegno delle donne e degli uomini del Corpo delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera in ambito civile e sociale nella tutela dell'ambiente e della legalità,per la salvaguardia degli ambienti marini, per aver contribuito con le loro azioni allo sviluppo di una civiltà accogliente e solidale.

Mediterraneo Rai Tre

Curriculum

“Mediterraneo” è l’appuntamento del TGR con l’attualità internazionale, con i popoli, la storia, la cultura, i volti del Mare Nostrum. Il magazine è coprodotto dalla RAI e da FRANCE 3 e partecipano la televisione pubblica della Regione di Valencia in Spagna e la Tv Svizzera Italiana. Il dialogo fra Nord e Sud del mondo, la comprensione, il rispetto delle differenze costituiscono la linea editoriale della trasmissione. “Mediterraneo” tenta di raccontare la situazione politica, i conflitti, le tensioni dei paesi rivieraschi, gli sforzi di chi lotta per la pace, le gravissime violazioni dei diritti civili, l’insorgenza di radicalismi e del terrorismo, l’attenzione ai costumi, alle usanze, alle tradizioni, alla cultura, alla ricchezza artistica e alla crescente valorizzazione del patrimonio naturale ed ambientale.

Motivazione

Per l’alta qualità mediatica e informativa di una redazione giornalistica internazionale impegnata nella restituzione del dialogo fra Nord e Sud del mondo; per l’attenzione, la comprensione, il rispetto delle differenze che costituiscono la linea editoriale della trasmissione che racconta la situazione politica, i conflitti, le tensioni dei paesi rivieraschi, gli sforzi di chi lotta per la pace, le gravissime violazioni dei diritti civili, l'insorgenza di radicalismi e del terrorismo, l’attenzione ai costumi, alle usanze, alle tradizioni, alla cultura, alla ricchezza artistica e alla crescente valorizzazione del patrimonio naturale ed ambientale.

PREMIATI

Mariasole Bianco

Biologa Marina Divulgatrice

Curriculum

Biologa marina e divulgatrice scientifica con una grandissima passione per il mare e per la sua tutela. Lavora sulla sostenibilità e responsabilità ambientali legate all'oceano, fa parte della World Commission on Protected Areas dell’IUCN. È fondatrice e presidente di Worldrise: una ONLUS dedicata alla tutela e valorizzazione dell'ambiente marino e al coinvolgimento delle nuove generazioni. Si è affermata come punto di riferimento della comunità italiana e internazionale come esperta di conservazione della natura. È stata insignita del Premio DonnAmbiente 2019, ed è stata scelta come moderatrice dalle Nazioni Unite in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani.

Motivazione

Per aver coniugato la sua infinita passione per il mare e la sua tutela con un'instancabile attività di tutela e valorizzazione dell'ambiente marino, per essersi affermata come punto di riferimento della comunità italiana ed internazionale come esperta di conservazione della natura, per il coinvolgimento delle giovani generazioni e la promozione dei valori della civiltà del mare.

Barbara Davidde

Archeologa Subacquea

Curriculum

Nell'ambiente è conosciuta come la “signora che salva i tesori sott'acqua”. Il patrimonio sommerso è la sua grande passione ma anche una sfida. Pinne, muta, bombole e grande tecnica da archeologa subacquea. Archeologia, scienza e mondo marino sono il leitmotiv della sua vita. Barbara Davidde fa parte del prestigioso e speciale consiglio tecnico scientifico dell'Unesco per il patrimonio culturale subacqueo. Si tratta del cosiddetto “Stab” dell'Unesco, composto da 14 esperti a livello internazionale di reperti sul fondo del mare (ma anche di laghi), l'organo di riferimento principale per i 61 paesi che hanno finora firmato la convenzione entrata ufficialmente in vigore nel 2009.

Motivazione

Per aver messo al servizio del patrimonio sommerso la sua voglia instancabile di mettersi alla ricerca. Per aver vissuto le sue sfide come recupero di memorie antiche che ci regalano il dipanarsi della storia dell'umanità, per aver svelato scrigni nascosti e divulgato i segreti degli abissi che racchiudono tesori.

Franco Borgogno

Giornalista Scientifico

Curriculum

Giornalista, scrittore, divulgatore scientifico ambientale, guida naturalistica. Presidente di Ocean Literacy Italia, membro di European Research Institute e ambasciatore del 5 Gyres Institute. Finalista all'International Ocean Film Festival di San Francisco nel 2017. Ha partecipato a tre spedizioni in Artico e vari progetti di ricerca e divulgazione in Mediterraneo, sul Po e sulle Alpi per il campionamento delle plastiche e gli effetti del cambiamento climatico. E' co-autore delle pubblicazioni scientifiche "Mitigation strategies to reverse the rising trend of plastics in Polar Regions" e "Microplastics in seawater: sampling strategies, laboratory methodologies, and identification techniques applied to port environment" e "Society Role in the Reduction of Plastic Pollution". Dopo il pluripremiato 'Un mare di plastica' (pubblicato anche in Francia), a settembre uscirà il libro "Plastica, la soluzione siamo noi. Storie di donne, uomini e bambini che fanno la cosa giusta" (Nutrimenti).

Motivazione

Per aver divulgato l'incantesimo del Mare attraverso le sue attività di giornalista, fotografo e guida naturalistica, per la divulgazione della difesa dell'ambiente come via maestra dell'umanità, per aver indagato, grazie alle sue missioni nel Circolo Polare Artico, sulle problematiche legate al problema dei rifiuti di plastica in mare, per aver vissuto la divulgazione come straordinaria avventura che svela le misteriose ed affascinanti bellezze del Mare.

Laurent Ballesta

Sommozzatore Scientifico

Curriculum

Laurent Ballesta è biologo marino e sommozzatore scientifico. Combina così la sua passione per la fotografia sottomarina con quella per le immersioni a grandi profondità. I suoi lavori hanno attirato l'attenzione del comitato della Historical Diving Society Hans Hass dalla quale è stato incaricato di selezionare i candidati al premio del 2013. Grazie al suo rispetto per i particolari durante le sue immersioni in profondità e le sue spedizioni scientifiche, oltre che per le sue straordinarie fotografie, si pone quale conoscitore appassionato e straordinario divulgatore delle affascinanti "storie nascoste" degli abissi.

Motivazione

Per averci mostrato il mare nelle sue profondità vaste, misteriose ed affascinanti, per averci regalato con i suoi documentari e le sue foto la straordinaria vita che regola gli abissi, per aver coniugato la sua attività di biologo marino e sommozzatore scientifico trasformandola nel racconto della magia e della malia del mare.

Leopoldo Repola

Ricercatore

Curriculum

Ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, è esperto in tecnologie applicate al rilievo e alla rappresentazione di siti archeologici e monumenti antichi emersi e sommersi.
Ha messo a punto, realizzato ed applicato, con il prof. Sebastiano Tusa, nuove tecnologie di rilievo subacqueo tridimensionale che hanno consentito innovativi approcci per lo studio di contesti archeologici subacquei e la loro musealizzazione in situ in Italia, Libia, Israele, Tunisia, e volti alla ricerca delle più antiche vestigia delle civiltà del mare.

Motivazione

Per la sua attenta e precisa attività di ricercatore, per la competente elaborazione di nuove tecniche di rilievo subacqueo tridimensionale, per aver continuato con instancabile ed affettuoso impegno i percorsi del Prof. Sebastiano Tusa, per averci restituito col suo lavoro le più antiche vestigia delle civiltà del Mare.

Fabio Galluzzo

Vice-presidente MAREVIVO

Curriculum

Un grande impegno di volontariato profuso per la difesa dell'ambiente marino attraverso importanti progetti di tutela e numerose attività di formazione dei giovani che sono prevalentemente state condotte come Marevivo di cui è vicepresidente nazionale e greenlife, e di sensibilizzazione al problema dei rifiuti marini attraverso l'evento internazionale "Litter Art". Responsabile dal 2007 del Centro di educazione ambientale “Oasi Marevivo” di Eraclea Minoa. Ideatore della campagna “Scuole Plastic Free per un futuro sostenibile” di Marevivo.

Motivazione

Per il suo instancabile e generoso impegno nella divulgazione e nelle attività di salvaguardia degli ambienti marini, per le attività di promozione e valorizzazione dei valori della difesa ambientale tra le giovani generazioni, per le sue campagne in favore della costruzione di un futuro sostenibile, per essere straordinario testimone e custode della civiltà del Mare.

MENZIONI SPECIALI

Andrea Foschini

Artista Conteporaneo

Curriculum

Romagnolo che ha dato vita al progetto ‘Vela e Legno’, ha tra i suoi scopi la costruzione di piccoli cabinati in legno di linee classiche. Velista dall’età di 15 anni, ha navigato tra la Croazia, la Sardegna, l’Isola d’Elba, la Liguria e la Riviera del Conero. Nel 2003, complice la grande passione per le barche in legno, ha acquistato un Corsaire in compensato marino del 1968 (il numero 43, costruzione Sartini) che tiene ormeggiato a Cervia e con il quale naviga lungo le coste del Mare Adriatico.

Motivazione

Per il suo progetto ‘Vela e Legno’ a seguito del quale nel 2003, complice la grande passione per il mare e le barche in legno, ha acquistato un Corsaire in compensato marino del 1968 con il quale naviga lungo le coste del Mare Adriatico, dimostrando che il legno è un materiale ancora attuale per la costruzione navale di piccoli cabinati in legno di linee classiche che non comportano più manutenzione di quanta non ne abbia bisogno la vetroresina.

Annamaria Verzino

Pescatrice

Curriculum

Prima figlia di 4 fratelli, aveva circa 5 anni quando cominciò ad imbarcarsi con il padre Donato, da sempre pescatore a Casalbordino, piccolo borgo in Abruzzo dove Anna Maria è nata e vive. Ottenne una regolare licenza da pesca, quando aveva circa 30 anni. Gliela firmò il capitano della Capitaneria di Porto di Ortona, che aggiunse, con sarcasmo, «ma perché non te ne stai a casa a fare la calza come tutte le donne?». Anna Maria, senza scomporsi, rispose «la calza la faccio quando non sono in mare».

Motivazione

Per la dedizione totale al mare che le è valsa l’appellativo di ‘Sposa del mare’; prima figlia di 4 fratelli, imbarcatasi a circa 5 anni con il padre Donato, da sempre pescatore a Casalbordino; prima donna ad ottenere una regolare licenza da pesca, a 30 anni, dal capitano della Capitaneria di Porto di Ortona piccolo borgo in Abruzzo ancor oggi vive. Per l’intensità con cui ha sempre vissuto il suo rapporto col mare, al largo del quale trova la pace che non riesce a provare con altrettanta intensità sulla terra.

Vai alla Gallery

TROFEO DEL MARE® 2001 - 2021. TUTTI I DIRITTI RISERVATI.